Sempre più internazionale, con 318 espositori  provenienti dall’estero sugli  835 presenti, l’edizione 2015 del Cersaie si conferma ancora una volta la principale vetrina mondiale per l’industria della ceramica italiana oltre che il palcoscenico dell’innovazione  e delle evoluzioni della cultura dell’abitare, proposte da “archistar“ come Glenn Murcutt, massimo esponente mondiale della bioarchitettura.

Con lui, anche lo spagnolo Francisco Mangado, il tedesco Matthias Sauerbruch, il sudamericano Solano Benitez, progettisti che portano la ceramica ben oltre gli usi tradizionali per abitazioni, infrastrutture e grandi spazi urbani.

Francisco Mangado_3

Cersaie 2015 è il luogo in cui l’industria della ceramica Made in Italy mostra di avere i numeri per consolidare la leadership sul mercato globale: quasi 5 miliardi di fatturato totale, 4,1 generati  dalle esportazioni  in aumento del 6,2%.

 

Per il settore dell’arredobagno sono presenti tutte le ultime tendenze in fatto di apparecchiature igienico-sanitarie, vasche e cabine doccia, rubinetteria sanitaria, termoarredo e saune, arredamenti per l’ambiente bagno con vari complementi e oggettistica, fino all’arredoceramica e caminetti, per personalizzare il proprio bagno coniugando estetica e design.

 

mix x sito_1